Il mito start up


start-up

 Partiamo da due dati insindacabili.  La crisi economica è reale ma non si sconfigge con lo staticismo ultra critico.  Superato questo scoglio, sottolineare il sovraffollamento del termine start up nella comunicazione contemporanea è doveroso.
Non c’è meeting economico, in Campania e non, che non esalta la funzione miracolosa di questa formuletta
“fondi europei + start up=innovazione”, come se la congiuntura deteriore che sta colpendo tutti i Paesi dell’area mediterranea e che minaccia persino la Germania siano insignificanti. Come se re mida Europa possa spargere moneta fluttuante senza limiti.  A breve scatterà, lo è già in parte, la caccia ai fondi strutturale “Horizon 2020” per la ricerca, passati dall’altisonante cifra di 80 miliardi a un ‘decente’ ma ridimensionatissimo ammontare di 22 miliardi (fino a prossimi tagli).  Dunque bisogna rendersi conto che le opportunità tendono ad assottigliarsi.  Di recente un ragazzo di 17 anni ha fatto le sue fortune inventando una app venduta a   Yahoo! che sintetizza le news prima di fartele leggere.  Una intuizione cresciuta pian piano fino a esplodere nel mercato e fargli fruttare ben 30 milioni di dollari.  Non se ne parla in Italia, dove le chiacchiere annunciano progetti, senza concretizzarli.

A questo si può aggiungere l’incapacità delle regioni, in particolare quelle del sud Italia, di investire attraverso i fondi che l’Europa, che, pur iniziando a “stringere la cinghia” come dicevamo,  mette comunque ancora a disposizione molti incentivi all’economia.   Un gravissimo deficit di prospettiva e pragmatica che rischia di lasciare l’economia meridionale al palo.   Dunque cerchiamo di approntare progetti capaci di attrarre questi fondi, altrimenti è letteralmente parlare di uno start, tanto meno up.

Annunci

Un pensiero su “Il mito start up

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...