Cinque motivi per cui puntare sull’idea Google Glass


Ha fatto molto scalpore l’uscita sul mercato degli occhiali di Google, gli ormai famosi Google Glass.  Per chi non ha ancora chiaro funzioni e prospettive, ecco un vademecum in cinque punti tenendo presente che questa tecnologia potrebbe realmente rivoluzionare le relazioni tra le persone, ponendo anche nuovi interrogativi sulla tutela della privacy. Gli ultimi aggiornamenti pre-natalizi permettono di scattare foto con una strizzatina d’occhio…

  1. Cosa sono?   Si tratta di occhiali dotati di una mini camera laterale, che permette di farti connettere ad internet durante le semplici azioni quotidiane.  Si parla di realtà aumentata perchè consente alla retina di ampliare le proprie possibilità, avendo visione del mondo reale e virtuale quasi contemporaneamente.
  2. A che servono?  Fare video, foto, ricerche di strada e navigazione (alla “Tom Tom” per essere chiari) in un modo completamente diverso rispetto al passato o mandare messaggi ai nostri contatti, con la cosiddetta funzione social.   Basta un comando vocale e voilà il gioco è fatto.  Un’altra funzione intrigante di cui si parla è anche il traduttore automatico, che faciliterebbe notevolmente  le conversazioni tra persone di diverse nazionalità; aspetto fondamentale in un mondo sempre più globalizzato.
  3. Esistono altri esempi del genere?  Di recente è scoppiata una diatriba proprio tra i Google Glass e i GlassUp,  prodotto di un’omonima società italiana, a causa della brevettibilità o no del termine “glass”.  Questi ultimi, tuttavia, sono occhiali che si connettono in bluetooth a smartphone e tablet e proiettano le informazioni ricevute su una lente trasparente, dando modo di vedere entrambe le realtà senza distrarre lo sguardo sul lato degli occhiali stessi (come avviene coi primi).
  4. Come e dove acquistarli?  Ancora non è possibile averli, ma per poco.  Ne sono stati distribuiti alcune centinaia di prototipi per diffonderne la promozione prima del lancio ufficiale.  Ma si tratta davvero di aspettare solo l’inizio del 2014, ad un prezzo che si dovrebbe aggirare sui 1.500 dollari (intorno ai 1.100 euro). Un costo che però potrebbe diminuire con il crescere di concorrenti nel settore.
  5. A cosa serviranno in futuro?  Uno strumento di questo tipo, che anche Microsoft sembra intenzionato a voler produrre, non può che stuzzicare la creatività sia in ambito professionale che di semplice divertimento.   Chirurghi capaci di operare avendo sotto controllo l’anamnesi completa del paziente, video conferenze in wi-fi con tutto il mondo, servizi giornalistici magari un pò “mossi” ma in estrema velocità o giochi che ricalcheranno, migliorandoli gli attuali.  Già si pensa di utilizzarli anche nella Formula 1, dove il rapporto con la realtà simulata è già fortemente presente da alcuni anni.

Qui un esempio su Youtube di questa nuova tecnologia

Annunci

3 pensieri su “Cinque motivi per cui puntare sull’idea Google Glass

  1. Premettendo che non sono contro la tecnologia e la modernità in generale (adoro il mondo della condivisione con cui mi confronto ogni giorno!), credo che questi Google Glass potrebbero avere dei risvolti positivi ma anche dei risvolti negativi. Penso infatti alle persone disabili che in questo modo potrebbero diventare più indipendenti; ma penso anche a tutte le innovazioni degli ultimi anni che sono spopolate in modo a volte eccessivo. E a questo proposito mi viene in mente Wall-E

    Mi piace

    • Ciao Mara!
      Concordo, la tecnologia ha mille sfaccettature e bisogna essere capaci di viverla con equilibrio. I G.glass (come i prossimi Galaxy glass), potranno migliorare la medicina, con operazioni chirurgiche sempre più precise, la polizia, l’arte, ma anche noi normali utenti nella gestione del quotidiano. Basta che non invadano la privacy in modo eccessivo (il rischio è forte) e che non diventino un ulteriore “feticcio” digitale da cui non ci si stacca mai. Buon week end e grazie della riflessione.
      Bello Wall-E, anche se a volte mette malinconia…

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...