Genghis Khan insegna come non temere il gelicidio


Embed from Getty Images

La rete e i media, di tanto in tanto, hanno bisogno di nuovi roboanti espressioni per rendere il meteo qualcosa di straordinario. Dopo il tempo della bomba d’acqua, gettonatissimo, ora tra i trend topic del web c’e’ il gelicidio.
Anche voi la mattina vi svegliate, accendete lo smartphone e come prima cosa controllate che tempo che fa, magari senza nemmeno aver aperto le finestre?  Ripetete in giornata l’operazione, facendo un pò di zapping tra i vari siti? Vi piace tenere sotto controllo i prossimi 5-10 giorni?  Ecco, non vi preoccupate perchè rientrate nella media di questi tempi.  Siamo tutti un pò ossessionati dalle previsioni metereologiche, quasi che in passato non abbia mia piovuto, nevicato o non ci fossero state giornate di sole torride e insopportabili.   Ho scoperto oggi un episodio che potrebbe cambiare la percezione, o magari la paura, del meteo.  Perlomeno in piccola parte.
Una recente rivisitazione storica, riferisce come il grande imperatore mongolo Genghis Khan, abbia approfittato proprio delle condizioni climatiche per compiere le sue leggendarie imprese di conquista ed espansione.
Parliamo del 13mo secolo, e l’imperatore, approfittando di un periodo piovoso ma inusualmente temperato in Asia, riuscì a perpetuare le sue grandi vittorie.  Questo perchè gli acquazzoni del tempo permisero all’erba di crescere e rifocillare i propri cavalli, mentre il tempo mite agevolò il cammino.   Dunque si tratta del primo personaggio storico capace di sfruttare i cambi climatici a proprio favore, creando un impero che si diffondeva dalla Russia, alla Cina, alla Corea, alla Persia (attuale Iran), all’India e a buona parte del Medio Oriente.
Ad affermarlo, scienziati guidati da Amy Hessl della West Virginia University insieme a Neil Pederson dell’Osservatorio Lamont-Doherty Earth della prestigiosa Columbia University.  Lo studio ha riguardato dei pini (oramai morti) siti nei luoghi delle conquiste e della stessa epoca, che presentavano delle caratteristiche tali da far presumere questo fattore climatico in quel tempo.  Il rischio attuale, secondo le ricerche, è che il surriscaldamento della Mongolia stessa possa portare a gravi danni causati dalla siccità nei prossimi anni.
Questo episodio ha una forte valenza anche nel mondo della comunicazione e del nostro quotidiano. Poiché quel condottiero, senza rilevatori di meteo, né i nostri sofisticatissimi mezzi, è riuscito a usare il clima a proprio favore, approfittando delle condizioni reali per raggiungere il proprio obiettivo. Infischiandosene dei rischi possibili, ma osservando, captando e afferrando le occasioni giuste che si profilavano strada facendo.  Passo dopo passo, pioggia o non pioggia, alla conquista del mondo.

Embed from Getty Images

Annunci

Un pensiero su “Genghis Khan insegna come non temere il gelicidio

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...