Il borsino dei social network: chi sale, chi scivola


socialnetworks

Tra i motivi di maggiore interesse del big world dei social network è la spasmodica ricerca di innovazione per restare al passo coi tempi, con l’attenzione a non urtare la sensibilità degli iscritti più tradizionalisti.  In questo continuo mutare, vediamo chi sta prendendo la strada migliore e chi rischia di perdere punti.  Analizziamo i principali social network.

 

  • FACEBOOK ⇑
    Si parte naturalmente dallo “zio” come direbbe un rapper di moda.  Nel tempo ha consolidato i propri asset, con l’annuncio di Zuckerberg che orgogliosamente mostrava il numero di utenti che ha di gran lunga superato il miliardo.  Da poco è stato lanciata la funzione Facebook Mentions dedicata a personaggi pubblici che vogliano dialogare da un accesso privilegiato e Facebook Notify, per migliorare la sezione news in tempo reale.  Tutto oro quel che luccica? Quasi.  Al numero di utenti va di pari passo una diminuzione di post degli stessi, inoltre i teenager Usa, da sempre “spia” efficace del successo di un trend, preferiscono altre piattaforme.  Resta comunque salda l’influenza e la presenza sul mercato attuale. 
  •  TWITTER 
    Momento difficile per il re dei 140 caratteri. Partiamo da questi ultimi. E’ stato eliminato questo limite di scrittura per i DM (direct message), la posta privata tra utenti che si seguono a vicenda.
    La modifica ha fatto perdere del fascino al “culto” della sintesi che lo caratterizza. Poi ha sostituito il tipico mi piace con un cuoricino, variazione che non ha ancora avuto un grande impatto. Infine, notizie di queste ore, sembra diventato più complicato controllare il numero di chi ha messo tra i preferiti o condiviso un tuo post. Un elemento fondamentale per chi usa il social per business.
    Resta un grande network, ma deve stare attento, visto che è stato appena superato da Instagram come numero di iscritti. 

  • INSTAGRAM ⇑
    Con oltre 400 milione utenti attivi, il social fotografico ha superato Twitter, mostrando sempre di più le potenzialità della foto come veicolo di messaggi, interazione e promozione.  E’ possibile anche inserire video di una decina di secondi, rendendolo competitivo con Vine, che “in sei secondi” ha conquistato diversi millenials.
    La funzione hashtag, nata dal rivale Twitter, è oramai una caratteristica ontologica di questo sistema che permette di iscriverti anche attraverso altri social, senza inserire nuove password.

 

  • LINKEDIN ⇑
    I suoi risultati sono più o meno costanti.  Sempre di più uno strumento per la ricerca di lavoro, grazie anche alla nuova applicazione Linkedin job search. Inoltre, sottolineando la tendenza al mobile, ha rivoluzionato la versione tablet/mobile con una homepage accattivante e nuova.  

Infine parliamo di Google Plus,  ancora a caccia di un’identità più definita, tanto che proprio da Google è stato da poco annunciato il lancio di una serie di modifiche per renderlo più accattivante. Staremo a vedere.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...